Molte pubblicità americane recitano, quando promuovono nuovi libri, “con questo libro soltanto potete iniziare una carriera”: bene, una volta tanto, con il libro di Vito Gattullo potete farlo per davvero…

dalla postfazione di Alfonso Bartolacci

“La porta sull’invisibile” è il titolo della mia conferenza di mentalismo e storytelling presentata per la prima volta al Weekend Magico Mediterraneo che si svolge ogni anno a Napoli, organizzato dal Ring 108 dell’International Brotherhood of Magicians e dal Circolo Chabernot del Club Magico Italiano.

Le note di conferenza, pubblicate inizialmente come libretto, oggi sono diventate un vero e proprio volume illustrato di 120 pagine in formato A5 che contiene, oltre agli effetti presenti nella prima edizione, ulteriori routine e sottigliezze aggiunte nel corso degli anni, accompagnate da presentazioni suggestive e misteriose che spaziano da rapimenti alieni a disastri previsti in romanzi di pura fantasia, ossari seicenteschi e maghi incontrati in ascensore, mentre per ogni effetto è indicata una bibliografia estremamente dettagliata per approfondire gli argomenti trattati.

Oltre ai 9 effetti pubblicati inizialmente, questa edizione contiene ulteriori 5 routine per un totale di 14 effetti tra previsioni, pseudo-ipnosi, lettura del pensiero, chiaroveggenza, alterazione della memoria, sincronicità, intuito, psicometria e test della sedia.

Un volume rivolto  non solo ai mentalisti, ma anche a tutti i prestigiatori ed a si occupa di storytelling magic e bizarre magick.

Introduzione di Wolf Waldbauer.

Postfazione di Alfonso Bartolacci.

Come acquistare

“La porta sull’invisibile” è disponibile al prezzo di 25€ + spese di spedizione.

Per ordinare scrivimi a vito@magiadellamente.it 

(Per i possessori delle edizioni precedenti è prevista un’offerta speciale!)

Opinioni sulla prima edizione

Il mentalismo dev’essere anche e soprattutto “Mistero” e quindi dobbiamo creare aspettativa e tensione emotiva. Leggendo “La porta sull’invisibile”, vi accorgerete che Vito ha compreso e saputo utilizzare perfettamente questi principi: il “mistero” nasce dall’incantesimo evocato dalle sue introduzioni, che, di volta in volta, presentano il tema dell’effetto in modo coinvolgente e intrigante, gettando le fondamenta per vere e proprie “pièces teatrali”.

Wolf Waldbauer

Conosco Vito da tanti anni, e la cosa che mi ha sempre colpito di lui è la qualità delle domande che pone agli altri e a se stesso, condizione necessaria questa per ottenere delle buone risposte.

E le buone risposte che Vito si da sul mentalismo, sulla sua esecuzione e presentazione, le potete leggere nel suo libro “La porta sull’invisibile”. Grazie a tecniche semplici, efficaci e dirette, Vito riesce ad ottenere tantissimo dai suoi effetti, proprio perché delega l’apertura della sua porta sull’invisibile non a sterili questioni operative (di cui tra l’altro il mentalismo è povero, per fortuna), ma al potere enorme delle storie che racconta per introdurre le sue creazioni: sono proprio queste che aiutano lo spettatore a scoprire le tante emozioni che si possono scoprire assistendo ad un vero atto magico Infatti, penso che questa di Vito non sia solo un’opera sul mentalismo, ma sulla magia vera e propria, sulla capacità cioè di incantare le menti di chi assiste, trasportandole in luoghi altrimenti inaccessibili con la sola razionalità.

Come dice la volpe al piccolo principe nell’episodio a lei dedicato sull’omonimo libro, “Ecco il mio segreto. È molto semplice: si vede bene solo col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.

E Vito, nel suo libro, vi racconta proprio questo: come aprire il cuore degli spettatori per permettergli di aprire la loro porta sull’invisibile, su quell’essenziale invisibile agli occhi…

Alfonso Bartolacci

Le note di conferenza di Vito Gattullo raccolgono la spiegazione di dieci esperimenti di mentalismo. I temi sono classici (predizioni, lettura del pensiero, chiaroveggenza, ecc.), le presentazioni molto intriganti, fresche ed originali ed i metodi utilizzati racchiudono sempre delle finezze nate senza dubbio dall’effettiva esecuzione sul pubblico (e non ideate solo per la carta come sempre piu’ spesso accade). La maggior parte del materiale e’ adatta ad esibizioni in salotti o su un palco e molta attenzione e’ stata dedicata alle fonti d’ispirazione, alle note storiche e bibliografiche. Un ottimo lavoro, ben scritto, di un valente e colto mentalista italiano.

La Porta Magica

Il mentalismo di Vito spazia dalle carte da gioco, all’ipnosi, alla “chair prediction”, alla psicometria… tutti temi classici del mentalismo. La cosa che maggiormente mi ha colpito di questa collezione è la cura di Vito nella creazione di presentazioni originali e cariche d’atmosfera per ogni effetto. Spostandosi dalla tradizione anglosassone di “ho qui dei cartoncini bianchi, disegnaci su qualcosa”, Vito crea un presupposto culturale, storico, esoterico o folcloristico per ogni suo effetto. La cultura dimostrata da Vito è insolita nel nostro mondo, ed in ciò che solitamente gli spettatori di mentalismo fruiscono: non ricordo di aver letto altri effetti nei quali si discute di refoulements sessuali, complessi aberranti, componente sodomitica ed esoterismo negromantico in una sola frase!

Ogni effetto, inoltre, è arricchito da una lunga lista di crediti, ispirazioni ed altro materiale il cui studio dovrebbe far capire i vantaggi del metodo/presentazione esposti da Vito. Io credo che queste note siano un importante volume nella letteratura mentalistica in Italiano e mi convincono di una cosa che ho già affermato altrove… a Napoli ci sono buone idee!!!

Marco Pusterla

Mi sono complimentato con Vito, durante un recente incontro “live”, già solo per aver scritto delle note di una settantina di pagine… Poi, dopo averle lette, mi sono congratulato con lui perchè tutti gli effetti compresi nelle note… sono effettivamente eseguibili davanti ad un pubblico reale e pagante (ah… dite che questo dovrebbe essere lo scopo di tutte le pubblicazioni?). Bravo Vito.

Francesco Busani

Ho imparato un sacco di cose dalla lettura di questo libro (camuffato da note di conferenza)! Complimenti per i riferimenti a testi non magici, Buzzati su tutti e a quelli magici. Per quanto mi riguarda ogni volta che pensavo ad un testo in cui si poteva trovare un principio simile, Vito lo citava, davvero mi hai impressionato. Ci sono effetti utili a chi lavora a distanza ravvicinata ed effetti one shot da scena che fanno davvero riflette. Complimenti.

Darus

Ogni effetto è ben descritto da Vito e, nel leggere le varie presentazioni, si ha proprio la sensazione di assistere a una rappresentazione reale che ammalia e cattura l’interesse di chi vi assiste. Ciascun effetto è poi integrato con riflessioni e approfondimenti dell’autore che conferiscono a queste “note” un prezioso valore aggiunto per l’appassionato lettore. Mi hanno colpito, inoltre, anche le splendide illustrazioni che accompagnano i testi di alcuni effetti. Grazie Vito per averci reso partecipi di questo tuo lavoro editoriale che figurerà degnamente nella mia biblioteca, così come in quella di altri!

Gregorio Samà

Vito ha fatto un ottimo lavoro, che sicuramente è da apprezzare e studiare.

Le sue presentazioni sono talmente forti da sembrarmi quasi pezzi di bizzarre magick più che mentalismo!

Un ottimo lavoro, da non lasciarsi far sfuggire.

Vinz

Se pensate che l’effetto e il metodo siano l’essenza del mentalismo questo testo non fa per voi. 

Le note di conferenza di Vito, la cui ricchezza si manifesta nell’abbondanza di riferimenti bibliografici e nella estrema cura delle presentazioni, sono destinate a mentalisti maturi, che vi troveranno un materiale incredibilmente stimolante per il cemento che collega l’ambientazione psicologica e l’esperimento nonché per le eleganti sottigliezze che rendono unico ogni effetto.

Le Note ci rassicurano sulla evoluzione del Mentalismo in Italia, non più ancillare rispetto alla tradizione anglossassone, nutrendosi ormai di idee e menti raffinate come quelle di Vito, che non può che essere ringraziato per avere condiviso il suo percorso creativo.

Al Berth

Ho letto con molto interesse le note‐libro di Vito. Il risultato e’ ottimo. La cosa che ho amato di piu’ era l’introduzione ad ogni effetto con temi che andavano da Jung ai culti esoterici di Napoli. Spero anche che Vito renda disponibile queste note al mondo mentalistico di tutto il Mondo, magari traducendole anche in inglese. Capita di rado trovare libri con materiale valido e colto. Vito ancora complimenti!

Misaki Gabrielli

Bellissimo lavoro. Effetti ben spettacolarizzati, giustificati, pieni di riferimenti bibliografici.

Gli script sono assai precisi e danno gia il ritmo giusto all’effetto….insomma effetti chiavi in mano!

Mauro Rapinesi

Non solo un bel libro ma un lavoro di ricerca che la dice lunga sul carattere di Vito. Meticoloso, creativo, onesto ed estremamente intelligente! Conoscere Vito ha rappresentato per me un arricchimento!

Sandro Guadalupi

Devo fare davvero i miei più sinceri complimenti a Vito per il “libretto” (-etto solo per le dimensioni) che ha pubblicato.

E’ davvero raro leggere scritti così dotti, pertanto mi ritengo un fortunato ed orgoglioso possessore di queste “note”. Mi hanno sorpreso, e francamente la cosa non m’è affatto dispiaciuta, anche la quantità di crediti forniti sia magici che non, tanto da renderlo già un ottimo testo solo per i suggerimenti alla lettura dati.

Insomma! Libro altamente consigliato! Fatevi un favore. Compratelo e sopratutto… leggetelo! Grazie Vito.

Michele Tarantino

Chi sono

Sono socio del Ring 108 di Napoli ed il Ring 204 di Roma, dell’International Brotherhood of Magicians e del Gruppo Regionale Lazio “Lamberto Desideri” del Club Magico Italiano, oltre ad essere uno dei pochi italiani tra i selezionatissimi membri di Psycrets: British Society of Mystery Entertainers, la società inglese degli intrattenitori del mistero.

Grazie all’appartenza, in passato, al Centro Italiano di Parapsicologia ho maturato una forte passione per gli studi sulla relazione tra mentalismo, mistero e parapsicologia.

Nel 2009 sono stato il primo a vincere il Trofeo Mario Altobelli durante il Weekend Magico Mediterraneo con una routine di mentalismo inedita ed alcune delle mie idee sono state pubblicate su “Il mentalismo scientifico II” di Vinz, “Mentalmente” di Max Vellucci e sulle riviste “Archivio Segreto”“Magia”“La Lanterna Magica” e “Magia Moderna”.

All’estero ho pubblicato i miei effetti sulle pagine di “Psycrecy” la rivista dei soci di “Psycrets” e su “For Bob Cassidy” di Pablo Amira insieme a Peter Turner, Michael Murray, Marc Salem, Alain Nu, Ken Dyne, Greg Arce e molti altri, su “Merry Christmas 2018” di Sleight of tongue – Dan Ives e su “Dice Mysteries” di Steve Drury, dedicata ai dadi nel tra magia, mentalismo ed esoterismo.