Nel corso di  un appuntamento si cerca di raccogliere più elementi possibili per formarsi una prima impressione dell’altro: tono della voce, sorriso, sguardo, persino il modo di muovere le mani.

Nella fase del corteggiamento una buona impressione reciproca nasce dall’utilizzare in modo simile il linguaggio del corpo: un certo tipo di sguardo, ridere o protendersi verso l’altro sono solo alcune delle spie che comunicano una buona intesa innescata da una prima impressione positiva.

Non importa essere belli: conta di più saper comunicare!

Scopri come leggere i segnali del corpo del tuo partner ascoltando il mio intervento nel corso della trasmissione “Italiani”, condotta da Marco Critelli e Pino Valito, in onda su Radio Punto Nuovo, mentre a questo link ci sono tutti gli altri interventi.